Menu
A+ A A-
Informazioni

Informazioni (46)

BANANA

BANANA

Si dice che nelle situazioni di pericolo, quando si ha la sensazione di stare per morire, passi tutta la vita davanti, ricordi, brevi immagini e momenti importanti.
Si dice anche che un uomo che scivola su una buccia di banana provochi in chi lo vede una risata incontenibile.
In questo spettacolo le due affermazioni si uniscono e così il protagonista mette accidentalmente un piede
su una buccia di banana e in una frazione di secondo riaffiorano ricordi, attimi della vita, flash dal passato che rivivono in uno spazio-tempo dilatato che non corrisponde affatto a quell'istante prima di cadere a terra e far scoppiare tutti a ridere.


Leggi tutto...

FREESTYLE

FREESTYLE

Varietà, creatività ed estemporaneità in uno show che lascia gli attori liberi di creare ed il pubblico libero di divertirsi!
Gli improvvisatori in scena sono guidati dal proprio estro, senza vincoli di spazio, di tempo o di forme, improvvisando in stile libero, creando sul momento un susseguirsi di storie e situazioni sempre diverse e ispirate dai suggerimenti del pubblico.
Senza sapere cosa succederà, senza una struttura predefinita, solo pura improvvisazione!
 
Un format divertente, vario e facilmente adattabile a qualsiasi situazione (bar, ristoranti, pub, locali estivi, teatri ecc...).
Leggi tutto...

Paolo Canuto

Conduceva una vita semplice e tranquilla finché non rispose “perché no” alla richiesta di un amico a partecipare a uno stage teatrale per principianti, nel 2005.
Da allora ha partecipato a svariati laboratori e workshop con formatori del calibro di Silvia Gribaudi, Vasco Mirandola, Fabio Mangolini, Teatro Del Lemming, e ha maturato esperienza in diversi campi come clown di corsia e come corista e solista gospel, ma è l’improvvisazione teatrale con l’Associazione Culturale CambiScena, della quale è membro del direttivo, a essere il centro della sua passione dal 2008. Si forma tra gli altri “maestri improvvisatori” con la compagnia bolognese Teatro a Molla (Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Antonio Vulpio), Patti Stiles, Omar Galvan, la compagnia romana I Bugiardini, Carles Castillo, Yann Van der Branden, Jill Farris.
Dal 2010, attore e tecnico in numerosi spettacoli di improvvisazione teatrale (“Imprò”,“TJ”“Mosaico”,“On Demand”, “Prova Generale” “Director’s Cut”) per l’Associazione Culturale CambiScena.
Leggi tutto...

Grazia Generali

Uso teatrale del corpo e uscite di scena ad effetto durante le discussioni con i genitori, hanno segnato la formazione artistica di Grazia Generali, intrapresa da autodidatta fin dalla tenera età. Segue quindi un percorso formativo di 4 anni a Bologna con il teatro Testoni – la Baracca tenuto da Bruno Cappagli che la porta fino in Francia ed in Germania con il progetto Socrates (teatro e collaborazione internazionale per le scuole). Si scontra nel 2004 con l’improvvisazione teatrale: è amore a prima vista, forte e puro, e ci si aggrappa con unghie e denti. Durante e dopo aver frequentato il corso base di improvvisazione teatrale nella sua città (Bologna), si cimenta in corsi e workshop con docenti quali Antonio Contartese, Antonio Vulpio, Luca Gnerucci, Fabio Mangolini, Alfredo Cavazzoni, Fabio Pavan e molti altri. Nel 2007 debutta con la compagnia amatori dell’associazione Belleville, e da allora, per lei, tutto il mondo è palcoscenico (cit.).
Partecipa, da quel momento, a numerose performance: short e long-form, teatro di strada, cene con delitto, teatro amatoriale su testi autoprodotti … prova un po’ di tutto, e si lascia trasportare da tutto.
Tra il 2007 ed il 2009 co-organizza e propone corsi di formazione per ragazzi (10-14 anni) in alcune scuole elementari e medie di Bologna. Nel 2010 molla tutto. Tutto … cambia città e sede, l’improvvisazione resta!
Si trasferisce, infatti a Padova iscrivendosi a CambiScena. Qui continua il suo percorso formativo e nel 2014 entra a far parte della compagnia Professionisti di CambiScena.
Leggi tutto...

Paolo Facco

Comincia la sua esperienza come tecnico audio-luci all’età di 12 anni. Nel 2005 scopre l’improvvisazione e decide di scavalcare il banco regia e di entrare in scena.
Nel suo percorso di formazione incontra vari docenti di teatro e improvvisazione teatrale fra cui Fabio Mangolini, Tiziano Storti, Antonio Vulpio, Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Daniele Marcori, Giorgio Rosa, Susanna Cantelmo, Paolo Busi, Daniele Mazzacurati, Lara Mottola, Omar Galvan.
Nel 2013 entra a far parte della compagnia professionisti di Padova e partecipa come attore-improvvisatore a numerosi spettacoli di short-form e long-form quali: “Imprò”,“TJ”“On Demand”, “Prova Generale”, “Director’s Cut”“Freestyle”, ecc…
Presidente e fondatore dell’Associazione Culturale CambiScena, segue tutti gli spettacoli come improvvisatore tecnico (prima anche con l’associazione Belleville di Bologna e con Improteatro in tutta Italia) e cura le rassegne estive padovane come responsabile artistico. È assieme a Lucio Bustaffa, ideatore e regista dello spettacolo di improvvisazione “Prova Generale”.
Leggi tutto...

La Compagnia CambiScena

La Compagnia CambiScena conta al suo interno attori e improvvisatori con una formazione decennale e un’esperienza, in continuo perfezionamento, maturata grazie ai corsi, ai workshop e agli spettacoli organizzati dall'Associazione Culturale CambiScena di Padova (sotto la direzione didattica e artistica della compagnia bolognese Teatro a Molla) e grazie alle attività formative e spettacolistiche promosse in tutta Italia dall’associazione Improteatro.

In costante evoluzione, ricerca e aggiornamento, la Compagnia CambiScena si dedica all’ideazione, alla produzione e alla messa in scena di spettacoli di teatro di improvvisazione che abbiano come filosofia artistica e punto di partenza il “piacere di raccontare storie”, raccontarle con l'improvvisazione e raccontarle a teatro!

Componenti:
Lucio Bustaffa
Stefano Bianco
Giovanni Bisazza
Paolo Canuto
Silvia Carnio
Paolo Facco

Francesco Fontanieri
Elisa Dalla Longa
Claudia Gafà
Grazia Generali
Nicoletta Malerba
Andrea Masiero

 

Leggi tutto...

LA STORIA


Fin da Aristofane abbiamo tracce di questa tecnica, al tempo legata principalmente alla commedia ed al teatro popolare. Portata agli estremi da Plauto e dall'istrione, la tecnica dell'improvvisa fu fondamento della Commedia dell'Arte, con le recite "a soggetto", tanto da diventare, con l'uso del canovaccio, la caratteristica fondamentale della tecnica recitativa professionale.
 
L'improvvisazione teatrale assume la forma che tutt'oggi conosciamo grazie ai gruppi d'avanguardia novecenteschi che pongono al centro della filosofia e della pratica del teatro d'improvvisazione il lavoro di gruppo, la comunicatività, la creatività, la capacità di correre dei rischi, la rapidità nel prendere decisioni, e l'adattamento alle situazioni impreviste che si possono verificare durante gli spettacoli.
 
Fu poi ripresa dall'avanspettacolo e dal teatro di rivista, dove ebbe grandissimi interpreti quali Ettore Petrolini, Totò, Macario, Nino Taranto e Carlo Dapporto. È poi diventata un tratto tipico del teatro più vicino alla tradizione popolare, nonché di quello dialettale, come nelle opere di Eduardo e Peppino De Filippo.
 
Nell'ambito del teatro di improvvisazione contemporaneo, è comunemente accettata una distinzione in "long form" (lo spettacolo è composto da una singola improvvisazione e la messa in scena rappresenta una o più scene/situazioni, queste ultime di solito legate fra loro da un tema comune) e "short form" (un contenitore all'interno del quale vengono create una serie di scene eterogenee per quanto riguarda temi e stili di recitazione, e di durata variabile).
 
Tra i format più noti nell'ambito di questa disciplina:
 
THEATRESPORTS™ (diffuso soprattutto nei paesi anglofoni e in Italia)
Spettacolo differente dal Match, anche se presenta molte affinità, nato nel 1977 a Calgary, nel Canada anglofono. È stato introdotto per merito di Keith Johnstone, attore, regista, formatore e drammaturgo.

IMPRO' (diffuso in Italia)
Vent'anni dopo le prime “importazioni” degli spettacoli di origine francofona e anglofona, nasce in Italia nel 2006 il format di "short form" dal titolo IMPRO'. Si può definire come il primo frutto maturo dell'improvvisazione moderna italiana nel quale si fondono modelli classici della tradizione improvvisativa ed elementi innovativi, che lo rendono uno spettacolo assolutamente originale.

MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE (diffuso soprattutto nei paesi francofoni e in Italia)
Format nato in Canada alla fine degli anni settanta per iniziativa di due attori registi, Robert Gravel e Yvon Leduc i quali decisero di creare un ibrido tra un'improvvisazione teatrale e un match di hockey sul ghiaccio.


Tutt'oggi l'improvvisazione teatrale in Italia e nel mondo subisce trasformazioni, sviluppi e sperimentazioni, prova ne sono i molteplici e differenti format e gruppi che nascono e si diffondono anche grazie ai continui scambi interculturali tra paesi e culture.

 

Leggi tutto...

ON DEMAND un progetto CambiScena

ON DEMAND
un progetto CambiScena
realizzato dagli allievi Amatori.


Scopri la magia di avere il grande cinema sempre a portata di mano. L’innovativo spettacolo per vedere i tuoi film preferiti quando e come vuoi. Puoi vedere ogni sera tanti film diversi, con titoli nuovi, perché li scegli tu!
Un western avvincente, un’emozionante storia d’amore, spericolate avventure, accattivanti soap opera, horror da brivido…tutto questo e anche di più!
On Demand, l’improvvisazione quando e come vuoi!
 
Il format prende spunto dal concetto della televisione On Demand e al pubblico, come seduti sul divano di casa, sarà data la possibilità di fare zapping tra le storie che vorrebbero vedere.

Leggi tutto...

PROVA GENERALE

PROVA GENERALE

Un’unica storia si sviluppa e si definisce lungo tutto lo spettacolo, portata in scena dagli attori e fatta di situazioni, personaggi e ambienti ogni volta improvvisati.
Il regista chiederà modifiche improvvise e soluzioni divertenti per guidare il destino di questo spettacolo che non andrà mai in scena poiché resterà per sempre una Prova Generale.
 
Una compagnia, un gruppo di attori assolutamente allo sbaraglio guidati da un regista fuori dalle righe e del tutto convinto di avere in se l’altissima arte del teatro, sta per mettere in scena la prova generale di uno spettacolo che non esiste, che non ha ancora un titolo, che non ha scenografia o costumi pronti, ma un produttore ha scelto di finanziarlo, quindi la prova generale si farà…il regista spera nell’illuminazione improvvisa. Lo spettacolo parte da un titolo dato dal pubblico, e si costruisce man mano che è recitato e messo in scena, ogni tanto l’estroverso regista lo interrompe e lo modifica, lo spezza, lo guida e lo distorce, ma la storia che si crea riesce ad arrivare fino alla fine, alla fine della prova generale di uno spettacolo che il produttore non finanzierà, alla fine di una prova generale che rimarrà per sempre tale.


Leggi tutto...

MARIO

MARIO
chi tiene il giornale per più di 10 minuti è pregato di leggerlo a voce alta

Un bar, uno qualunque, uno di quei bar frequentati da vecchi amici e conoscenti che vivono quel luogo come una seconda casa, dove il tempo passa lento e pigro tra le chiaccherate, dove il barista si chiama Mario ed è sempre lo stesso da anni, paziente ascoltatore di vite e storie vere o inventate che siano.
Il bar è teatro di scenari immaginati e narrati, Mario è lo spettatore, il pubblico, che al di là della quarta parete, col giornale aperto sul bancone, sa che in quel luogo nasceranno e moriranno una, dieci, cento storie.
“Chi tiene il giornale per più di 10 minuti è pregato di leggerlo a voce alta” e così sarà quando i frequentatori del bar avranno bisogno di nuovi spunti per raccontare e per improvvisare.


Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Cambiscena utilizza cookie sul proprio sito per assicurare un’eccellente esperienza di navigazione ai propri utenti e per permettere la prenotazione agli eventi. Proseguendo nella navigazione acconsenti l'utilizzo dei cookie.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta cliccando qui.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.